Notizie e Appuntamenti

Visite multiculturali al Castello di Aymavilles per Plaisirs de Culture 2022

(Pubblicato il 08-09-2022)

La Valle d’Aosta ha aderito all’edizione 2022 delle Giornate Europee del Patrimonio con la decima edizione di Plaisirs de Culture organizzata dall’Assessorato dei Beni culturali, Turismo, Sport e Commercio, in collaborazione con l’Assessorato della Sanità, Salute e Politiche sociali e con la partecipazione dell’Azienda USL della Valle d’Aosta.

130 eventi, 63 partner di cui 22 Comuni per una grande manifestazione corale che, nel suo decennale, coinvolge l’intero territorio regionale per sottolineare come la valorizzazione del passato e la preparazione di un futuro responsabile non solo siano compatibili, bensì intimamente legate. Il filo conduttore della sostenibilità si esprimerà per circa 10 giorni attraverso spettacoli, passeggiate, presentazione di risultati dei progetti europei, visite multiculturali, approfondimenti su cantieri di restauro, presentazione di libri, mostre, conferenze, laboratori, visite ai luoghi di culto e visite in notturna. (continua a leggere)

Al di là delle onde, storie di accoglienza in Valle d’Aosta – evento a Champorcher

(Pubblicato il 23-08-2022)

Lunedì 29 agosto 2022 alle ore 17.30, al Chiosco nel Bosco dell’Area verde di Chardonnay di Champorcher, si terrà l’evento Al di là delle onde, storie di accoglienza in Valle dAosta organizzato dal Consorzio Trait d’Union, nell’ambito del progetto SAI – Sistema di Accoglienza e Integrazione, e dal gruppo territoriale di Aosta dell’associazione Refugees Welcome Italia, in collaborazione con il comune e la Proloco di Champorcher.

L’iniziativa prevede la partecipazione di Mohamed Ahmed Muse, un giovane rifugiato somalo accolto al suo arrivo in Italia in Valle d’Aosta, prima nel SAI e poi in famiglia, grazie all’attività sul territorio dell’associazione Refugees Welcome.

Seguirà un concerto del cantautore valdostano Alberto Visconti, autore di Welcome Refugees, brano vincitore del Festival di Sanrito 2021, realizzato insieme al CoroMoro, gruppo composto da giovani africani richiedenti asilo che vivono in Piemonte. (continua a leggere)

Formazione online rivolta ai docenti per favorire l’integrazione di studenti ucraini

(Pubblicato il 18-08-2022)

Il 23 settembre 2022 i docenti valdostani potranno seguire una formazione online proposta dal progetto Vivere in Valle d’Aosta, a valere sul Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione (FAMI 2014 – 2020), che ha l’obiettivo di fornire gli strumenti necessari per favorire l’integrazione di studenti ucraini in fuga dalla guerra.

La docente del corso è Cinzia Fabrocini, psicopedagogista con esperienza trentennale nella rilevazione dei bisogni in presenza di situazioni di DPTS (Disturbi Post-Traumatici da Stress), formatrice e consulente in progetti dedicati all’infanzia e ai minori con vissuti abbandonici e post-traumatici. (continua a leggere)

Dall’orto al Conciorto: un pomeriggio all’insegna del cibo sano e del divertimento

(Pubblicato il 13-07-2022)

Suonare una melanzana o un peperone in un mix di natura e tecnologia, di musica e divertimento? Gli ingredienti per un pomeriggio all’insegna del cibo sano e dell’intrattenimento ci sono tutti. Venerdì 15 luglio, infatti, a partire dalle ore 16 ad Aosta si andrà alla scoperta di alcuni degli orti della città per poi concludere con un vero e proprio Conciorto.

(continua a leggere)

Storie

La comunità cinese in Italia, tra nostalgie e innovazioni

La Cina è, da sempre, terra affascinante, che solletica l’immaginario. Uno spazio enorme, lontano e distante non solo nel chilometraggio ma anche nei paradigmi culturali e societari. Spesso, quando si considera distrattamente una collettività, senza la dovuta preparazione, può capitare di valutarla uniformemente, come se non fosse anch’essa composta da individualità ma da una massa.

(continua a leggere)

Ivan: ballare per raccontarsi

«A Londra, quando hanno visto che ero colombiano, mi hanno chiesto se fossi un narcotrafficante. Ho detto che avevo anche il passaporto italiano: allora mi hanno detto “Ah, anche mafioso?”». (continua a leggere)