Siamo i bambini di questa città – canzone inedita dei bambini del Quartiere Cogne

Siamo i bambini di questa città – canzone inedita dei bambini del Quartiere Cogne

Nell’ambito del progetto FAMI Inter-agire concluso a dicembre 2018, gli alunni delle classi I e II della scuola Primaria e gli alunni dell’ultimo anno della scuola dell’Infanzia del Quartiere Cogne, hanno lavorato insieme all’esperto Alberto Ventrella in collaborazione con Gian Luca Rossi, alla composizione di una canzone inedita attraverso attività di animazione, che hanno avuto come obiettivo quello di garantire l’inclusione di tutti gli alunni coinvolti.

Il lavoro ha previsto anche attività didattiche in classe e ha considerato la tematica dell’identità, del ruolo della scuola e della riflessione sul futuro di ognuno e dell’umanità intera.

In sinergia con i docenti coinvolti, l’esperto ha realizzato una canzone “aperta”, riproducibile e ricostruibile nelle sue parti fondamentali con le nuove generazioni scolastiche. Gli alunni della classe III della Scuola Primaria del Quartiere Cogne sono stati, inoltre, protagonisti della registrazione professionale della canzone che vi presentiamo come prodotto finale del percorso d’integrazione svolto.

 

 

 

Ascolta Siamo i bambini di questa città

 

CREDITS
Testo, musica e arrangiamento: Alberto Ventrella
Voci: classe 3a – scuola primaria E.Lexert di Aosta
Coro: Canto Leggero sezione voci bianche – SFOM Aosta
Batteria: Simone Pellicanò
Basso, chitarre e synth: Alberto Ventrella
Registrazione e mastering:  associazione culturale Arte In Testa
Tecnico del suono: Giovanni Zap Delfino

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Miguelina: migrare per scelta

«Io ho migrato per scelta: ho lasciato il mare per la montagna, per amore. Ho voluto io l’Italia, la Valle d’Aosta: sono rimasta per tre mesi e ho conosciuto mi marito due settimane prima di tornare. Da lì, non sono più rientrata a casa mia». (continua a leggere)

Approfondisci

Elda: viaggiare per rinascere

«Il nuovo può essere difficile, ma può anche essere uno spazio per ricostruirsi. Per me il viaggio è sempre stato questo: un modo per ricostruire la mia storia, perché è una grossa opportunità. Non essere conosciuta e non avere intorno persone che hanno già un’idea chiara di chi tu sia. Quella è una nuova occasione per nascere: significa questo, per me, andare via». (continua a leggere)

Approfondisci