Wangping: dove il cielo è sempre azzurro

Wangping: dove il cielo è sempre azzurro

«È un posto ideale per una vacanza»

Wangping è partita dalla Cina per studiare. Poi l’incontro in Europa con l’uomo che sarebbe diventato suo marito, quindi l’arrivo tra le montagne valdostane.

«A 21 anni sono partita dalla Cina e sono andata in Olanda per l’Università: lì ho conosciuto mio marito, con cui condividevo l’appartamento. Dopo tre anni abbiamo deciso di stabilirci in Valle d’Aosta, che era la sua regione di origine. Qui le persone sono gentili, salutano spesso: la vita è tranquilla e sicura. Manca un po’ di vivacità, forse, ma non si può avere tutto».

Che cos’è successo quando seri arrivata in Italia?

«Il primo anno è stato confuso: non parlavo italiano, mentre mio marito solo italiano e inglese. Il mio primo lavoro è stato insegnare cinese a bambini e adulti, su richiesta: poi sono stata in un ufficio che si occupava di mercato asiatico. Quando quel progetto si è concluso, ho cominciato a collaborare con agenzie di Hong Kong e Taiwan per organizzare viaggi turistici in Valle d’Aosta: pacchetti di quattro o cinque giorni, con molta montagna e altre attività. Siamo orgogliosi di aver aperto un mercato per la clientela cinese»

Hai trovato delle nuove radici? Che cosa vuol dire andare e arrivare?

«Partire significa avere più opportunità. Se sei fortunata, significa avere più scelte nella tua vita. Mi è pesata la lontananza, all’inizio, ma non credo di aver lasciato molto dietro di me. Quando sono partita ero molto giovane: qui ho trovato la calma, la pace, un bell’ambiente. Tanta natura, cibo sano, persone gentili e cielo sempre azzurro».

 

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Soufyane: stranieri per eccellenza

«Mi sento italiano al cento per cento: sono nato e cresciuto qui, all’interno della cultura italiana. Sullo sfondo, però, mantengo le mie origini. Mi sento al bivio: qui mi dicono che sono “un italiano di origini straniere”. In Marocco, quando ci vado in vacanza, sono visto come uno straniero». (continua a leggere)

Approfondisci

Miguelina: migrare per scelta

«Io ho migrato per scelta: ho lasciato il mare per la montagna, per amore. Ho voluto io l’Italia, la Valle d’Aosta: sono rimasta per tre mesi e ho conosciuto mi marito due settimane prima di tornare. Da lì, non sono più rientrata a casa mia». (continua a leggere)

Approfondisci