Gabriele Del Grande presenta “Dawla: la storia dello Stato Islamico raccontata dai suoi disertori”

Gabriele Del Grande presenta “Dawla: la storia dello Stato Islamico raccontata dai suoi disertori”

Lunedì 11 giugno, a partire dalle 18.30, la Cittadella dei giovani  affronta l’attualità politica del Medio Oriente. A raccontare le storie che compongono il suo libro “Dawla. La storia dello Stato islamico raccontata dai suoi disertori” (Mondadori, 2018) è direttamente la voce del suo autore, il blogger e regista Gabriele Del Grande.

L’attività principale di Del Grande è legata al blog Fortress Europe, che raccoglie e cataloga tutti gli eventi riguardanti le morti e i naufragi dei migranti africani nel Mediterraneo nel tentativo di raggiungere l’Europa.Quella di Del Grande è la principale attività di monitoraggio del fenomeno realizzata su scala europea, e tutti i monitoraggi successivi si basano sostanzialmente sui dati di Fortress Europe. Nel 2013 ha realizzato un reportage sulla guerra civile siriana, pubblicato da Internazionale.

“Dawla” in arabo significa “Stato” ed è uno dei modi in cui gli affiliati dell’Isis chiamano la propria organizzazione. Gabriele Del Grande è andato a incontrarli in un avventuroso viaggio partito nel Kurdistan iracheno e terminato con il suo arresto in Turchia. Questo libro è il racconto delle loro storie intrecciate a quella più grande dell’ascesa e della caduta dello Stato islamico.

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Soufyane: stranieri per eccellenza

«Mi sento italiano al cento per cento: sono nato e cresciuto qui, all’interno della cultura italiana. Sullo sfondo, però, mantengo le mie origini. Mi sento al bivio: qui mi dicono che sono “un italiano di origini straniere”. In Marocco, quando ci vado in vacanza, sono visto come uno straniero». (continua a leggere)

Approfondisci

Miguelina: migrare per scelta

«Io ho migrato per scelta: ho lasciato il mare per la montagna, per amore. Ho voluto io l’Italia, la Valle d’Aosta: sono rimasta per tre mesi e ho conosciuto mi marito due settimane prima di tornare. Da lì, non sono più rientrata a casa mia». (continua a leggere)

Approfondisci