Sportello Vivere in VDA

Sportello Vivere in VDA

Lo sportello Vivere in Valle d’Aosta è il principale punto di accesso ai servizi e al territorio della regione per i cittadini immigrati. Si rivolge a cittadini stranieri regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale, inclusi i richiedenti asilo. È gestito all’interno del Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione (FAMI) 2014-2020.

I servizi che offre sono:
– orientamento e accompagnamento ai servizi territoriali e supporto all’inserimento sociale e abitativo
– consulenza e orientamento in ambito scolastico (con supporto alle iscrizioni ove necessario), formativo e lavorativo
– supporto per la compilazione di pratiche telematiche relative alla richiesta di cittadinanza

I servizi sono proposti attraverso il sostegno individuale oppure l’inserimento in un percorso laboratoriale specifico su temi relativi all’organizzazione e al funzionamento dei servizi e delle risorse presenti sul territorio, alla ricerca attiva del lavoro, all’abitare e alle normative relative al soggiorno sul territorio nazionale.

Sede di Aosta
Presso lo Sportello sociale (piazza Chanoux, 1)
Martedì – 8.30 / 13.30
Mercoledì – 8.30 / 13.30
Giovedì – 12.00 / 16.00

Sede di Verrès
Presso il Consultorio di Verres (via Amilcare Cretier)
Giovedì – 8.30 / 11.00

Nell’ambito del progetto Vivere in Valle d’Aosta è stata realizzata una Guida al soggiorno che raccoglie informazioni utili per i cittadini stranieri e gli operatori.

Contatti
Tel. +39 329.0277932
vivereinvda@gmail.com

 

Dépliant Sportello Vivere in VdA

 

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Soufyane: stranieri per eccellenza

«Mi sento italiano al cento per cento: sono nato e cresciuto qui, all’interno della cultura italiana. Sullo sfondo, però, mantengo le mie origini. Mi sento al bivio: qui mi dicono che sono “un italiano di origini straniere”. In Marocco, quando ci vado in vacanza, sono visto come uno straniero». (continua a leggere)

Approfondisci

Elda: viaggiare per rinascere

«Il nuovo può essere difficile, ma può anche essere uno spazio per ricostruirsi. Per me il viaggio è sempre stato questo: un modo per ricostruire la mia storia, perché è una grossa opportunità. Non essere conosciuta e non avere intorno persone che hanno già un’idea chiara di chi tu sia. Quella è una nuova occasione per nascere: significa questo, per me, andare via». (continua a leggere)

Approfondisci