Emiriona: uguaglianze e differenze

Emiriona: uguaglianze e differenze

«Si va per esplorazione. Quando si lascia un posto lasci alle tue spalle un pezzo di te: una parte del passato, del tuo percorso di vita, senza sapere quello che troverai».

Emiriona è arrivata in Italia nel 2010, per compiere i suoi studi universitari. Come mai in Valle d’Aosta?

«Avevo scelto l’Italia per studiare psicologia. La scelta iniziale, però, non era Aosta: doveva essere un luogo di transito. Poi, invece, si sta rivelando un luogo definitivo».

Cosa significa per te immigrazione?

«Movimento. Ma anche spazio, confini: confini da superare. E muri. Muri da abbattere».

Che cosa ti aspettavi di trovare?

«Quando ho deciso di venire in Italia pensavo di trovare un paese libero, dove c’erano persone che lottavano per i loro diritti, senza lasciare che gli altri decidessero per loro. Invece, purtroppo, ho trovato una forte somiglianza con l’Albania, con la gente che non è partecipe davvero delle decisioni importanti che vengono prese».

Ma non è stato solo questo.

«No: non mi aspettavo neppure le persone che ho incontrato. E ne ho trovate molte con un cuore grande e con una mente aperta».

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Gianfranco: le radici degli sradicati

«A Saint-Martin-de-Corléans c’è stata l’accettazione di una cultura estranea, che poi si è radicata ed è riuscita a creare qualcosa, a svilupparlo. È una forma di rinascenza artistica, il risultato dell’apporto di persone che hanno scelto di muoversi in un altro territorio e lì hanno creato qualcosa di estremamente duraturo». (continua a leggere)

Approfondisci