Camminanti – azione teatrale al presente, evento conclusivo di un laboratorio multiculturale

Camminanti – azione teatrale al presente, evento conclusivo di un laboratorio multiculturale

Venerdì 28 dicembre 2018, alle ore 17, si terrà Camminanti – azione teatrale al presente, evento di condivisione con il pubblico del percorso affrontato nell’omonimo laboratorio, avviato nel mese di settembre e che ha visto la partecipazione in particolare di cittadini di origine straniera che vivono sul territorio valdostano.

Il laboratorio è stato soprattutto uno spazio di incontro in cui sperimentare nuove modalità di espressione e relazione. I partecipanti, provenienti da Cina, Colombia, Guinea, Romania, Slovacchia e Italia, hanno alimentato e si sono confrontati in un contesto multiculturale e l’evento conclusivo sarà l’occasione per offrire alla città le loro riflessioni sul significato di camminante.

L’azione teatrale si svolgerà all’aperto attraversando via De Lostan e considerato che i posti sono limitati è gradita la prenotazione al numero 0165 40294. Alle ore 18.30 è prevista una replica. Il ritrovo sarà l’incrocio tra le vie Croix de Ville e Monsignore de Sales.

Il progetto è stato ideato e condotto da Barbara Caviglia e Andrea Damarco di Replicante Teatro.

L’iniziativa è realizzata dal Consorzio Trait d’Union nell’ambito del progetto “Vivere in Valle d’Aosta”, capofilato da Regione autonoma Valle d’Aosta, a valere sul Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione (FAMI) 2014-2020.

Locandina Camminanti – azione teatrale al presente

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Elda: viaggiare per rinascere

«Il nuovo può essere difficile, ma può anche essere uno spazio per ricostruirsi. Per me il viaggio è sempre stato questo: un modo per ricostruire la mia storia, perché è una grossa opportunità. Non essere conosciuta e non avere intorno persone che hanno già un’idea chiara di chi tu sia. Quella è una nuova occasione per nascere: significa questo, per me, andare via». (continua a leggere)

Approfondisci

Miguelina: migrare per scelta

«Io ho migrato per scelta: ho lasciato il mare per la montagna, per amore. Ho voluto io l’Italia, la Valle d’Aosta: sono rimasta per tre mesi e ho conosciuto mi marito due settimane prima di tornare. Da lì, non sono più rientrata a casa mia». (continua a leggere)

Approfondisci