Convegno LA CERTIFICAZIONE DI ITALIANO COME LINGUA STRANIERA (CILS)

Convegno LA CERTIFICAZIONE DI ITALIANO COME LINGUA STRANIERA (CILS)

 

25 ANNI DI STORIA, PROGETTI, PROSPETTIVE

 

Università per Stranieri di Siena
18-19 dicembre 2018

Il Convegno festeggia i 25 anni della Certificazione di Italiano come Lingua Straniera (CILS), ripercorrendone la storia e ricostruendone le tappe principali. Tale percorso rappresenta l’occasione per riflettere su tematiche di particolare importanza per la valutazione linguistica, in Italia e in contesto internazionale: la valutazione scolastica, i test per l’accesso, il lungo soggiorno e la cittadinanza, l’ipotesi di test online per l’ingresso degli studenti internazionali nelle università italiane, l’impatto della valutazione linguistica nei processi di insegnamento. 
Il Convegno si rivolge agli studenti, docenti della scuola e dell’università, esperti di valutazione linguistica, addetti alle politiche linguistiche, in Italia e all’estero. Bisogna, inoltre, ricordare che in Valle d’Aosta esistono due sedi ( Il CTP (Centro Territoriale Permanente) parte del Sistema Istruzione Adulti in Valle d’Aosta in Place Soldats de la Neige 7 – Aosta telefono: 0165/066880   e Progetto Formazione Scrl  in Localita’ Autoporto, Pollein telefono 0165/516114) in partenariato con l’Università degli Stranieri di Siena che effettuano gli esami di certificazione CILS.

 

Segreteria Organizzativa 
Giulia Naldini  convegnocils@unistrasi.it

Programma

ISCRIZIONE
Per partecipare al Convegno l’iscrizione deve essere effettuata online con questo modulo. I partecipanti esterni dovranno completare l’iscrizione con il pagamento della quota di 50 euro, che potrà essere effettuato dal 1 al 10 dicembre 2018, con le modalità che saranno disponibili a breve sul sito https://cils.unistrasi.it

Per ulteriori informazioni:
Email: convegnocils@unistrasi.it

 

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Soufyane: stranieri per eccellenza

«Mi sento italiano al cento per cento: sono nato e cresciuto qui, all’interno della cultura italiana. Sullo sfondo, però, mantengo le mie origini. Mi sento al bivio: qui mi dicono che sono “un italiano di origini straniere”. In Marocco, quando ci vado in vacanza, sono visto come uno straniero». (continua a leggere)

Approfondisci