Presentazione del libro Filastrocche per la nanna

Presentazione del libro Filastrocche per la nanna

Mercoledì 10 ottobre 2018 alle ore 17 nella Sala conferenze della Biblioteca Regionale Bruno Salvadori di Aosta si terrà la presentazione di Filastrocche per la nanna, un libro con CD audio che contiene ninne nanne in lingua madre di diverse culture del mondo. La pubblicazione è stata realizzata con la partecipazione di cittadini stranieri che vivono in Valle d’Aosta e che si occupano di progetti interculturali e gli studenti del Liceo artistico di Aosta che hanno curato le illustrazioni.
Il libro contiene 11 ninne nanne nelle lingue straniere parlate dai migranti di paesi terzi in Valle d’Aosta (albanese, arabo, cinese, moldavo, portoghese, spagnolo, ucraino e wolof) e nelle lingue d’accoglienza (italiano, francese e francoprovenzale).

Alla presentazione parteciperanno Paolo Sammaritani, Assessore all’Istruzione e Cultura, Chantal Certan, Assessore alla Salute, Sanità, Politiche Sociali e Formazione, Josette Mathiou del Sistema Bibliotecario Valdostano e Elisa Terrazzino del Liceo Artistico di Aosta. Il programma prevede inoltre una Tavola rotonda sul tema Ninne nanne: primi semi di cultura moderata da Gianni Nuti dell’Università della Valle d’Aosta, con gli interventi di Gabriella Vernetto della Sovraintendenza agli Studi, Rachida Adlani dell’Istituzione Scolastica Jean-Baptiste Cerlogne, Maria Rosa Vivaldo del Sistema Bibliotecario Valdostano e gli intervalli musicali di Maura Susanna e Ranzie Mensah.

L’iniziativa è realizzata dalla Biblioteca regionale Bruno Salvadori e dalla cooperativa Leone Rosso nell’ambito del progetto P.A.R.I. Partecipazione Attiva e Racconti d’Immigrazione a valere su FAMI – Fondo asilo migrazione e integrazione 2014-2020, capofilato dall’Assessorato alla Sanità, Salute, Politiche Sociali e Formazione della Regione autonoma Valle d’Aosta.

Locandina

Radio 1 – Spazi RAI VdA – Destination weekend di Katia Berruquier
Intervista a Angela Deval, una delle ideatrici e coordinatrici del progetto

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Gianfranco: le radici degli sradicati

«A Saint-Martin-de-Corléans c’è stata l’accettazione di una cultura estranea, che poi si è radicata ed è riuscita a creare qualcosa, a svilupparlo. È una forma di rinascenza artistica, il risultato dell’apporto di persone che hanno scelto di muoversi in un altro territorio e lì hanno creato qualcosa di estremamente duraturo». (continua a leggere)

Approfondisci

Soufyane: stranieri per eccellenza

«Mi sento italiano al cento per cento: sono nato e cresciuto qui, all’interno della cultura italiana. Sullo sfondo, però, mantengo le mie origini. Mi sento al bivio: qui mi dicono che sono “un italiano di origini straniere”. In Marocco, quando ci vado in vacanza, sono visto come uno straniero». (continua a leggere)

Approfondisci