La Giornata Europea delle Lingue si celebra ad Aosta con Tandemparty

La Giornata Europea delle Lingue si celebra ad Aosta con Tandemparty

La Giornata Europea delle Lingue è stata istituita nel 2001 dal Consiglio d’Europa di Strasburgo e si celebra il 26 settembre di ogni anno.

In Valle d’Aosta per l’occasione torna l’appuntamento con il Tandemparty – l’iniziativa che permette a tutti di cimentarsi, a coppie, in conversazioni e discussioni nella lingua che si sceglie di voler imparare, rafforzare o sviluppare.

L’iniziativa si terrà alla Cittadella dei Giovani di Aosta, mercoledì 26 settembre dalle 18.30 in avanti.

L’appuntamento è aperto a tutti, e sono invitati giovani o meno che vogliano semplicemente fare pratica delle lingue, conoscere nuove culture e scoprire nuovi amici con i quali dialogare.

In tutta Europa, 800 milioni di europei sono incoraggiati a imparare più lingue, ad ogni età, all’interno e al di fuori della scuola. Nella convinzione che la diversità linguistica sia uno strumento per ottenere una migliore comprensione interculturale e un elemento chiave nel ricco patrimonio culturale del nostro continente, il Consiglio d’Europa promuove il pluralismo in tutta Europa.

Durante la serata verrà proiettato il video-documentario “Human” di Yann Arthus-Bertrand – una raccolta di storie e immagini quotidiane del nostro mondo, che offrono la possibilità di immergersi nel cuore di quello che significa essere umani – cui seguirà la selezione musicale con il Dj set di Sago.

 

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Elda: viaggiare per rinascere

«Il nuovo può essere difficile, ma può anche essere uno spazio per ricostruirsi. Per me il viaggio è sempre stato questo: un modo per ricostruire la mia storia, perché è una grossa opportunità. Non essere conosciuta e non avere intorno persone che hanno già un’idea chiara di chi tu sia. Quella è una nuova occasione per nascere: significa questo, per me, andare via». (continua a leggere)

Approfondisci

Soufyane: stranieri per eccellenza

«Mi sento italiano al cento per cento: sono nato e cresciuto qui, all’interno della cultura italiana. Sullo sfondo, però, mantengo le mie origini. Mi sento al bivio: qui mi dicono che sono “un italiano di origini straniere”. In Marocco, quando ci vado in vacanza, sono visto come uno straniero». (continua a leggere)

Approfondisci