Aperte le iscrizioni a CAMMINANTI – azione teatrale al presente

Aperte le iscrizioni a CAMMINANTI – azione teatrale al presente

Alla fine del mese di settembre partirà Camminanti, un laboratorio teatrale rivolto in particolare ai cittadini di origine straniera e inteso come spazio di incontro in cui sperimentare nuove modalità di espressione e relazione che si concluderà nel mese di dicembre con un’azione teatrale presentata alla città di Aosta.


Il laboratorio è ideato e condotto da Barbara Caviglia e Andrea Damarco di Replicante Teatro.

Possono parteciparvi migranti di oggi e di ieri, seconde generazioni e chi ha un particolare interesse per l’iniziativa. Il laboratorio si terrà ad Aosta, è gratuito, riservato ai maggiorenni e aperto ad un massimo di 12 persone. Sono previsti 10 incontri di circa 2 ore con una cadenza da definire.

Per accedere al laboratorio non occorre avere esperienze pregresse in campo teatrale né conoscere la lingua italiana, ma soltanto aver voglia di sperimentarsi e confrontarsi in un lavoro di gruppo.

Per partecipare è necessario inviare una mail con i propri dati (nome, data di nascita, provenienza e contatto telefonico) all’indirizzo e-mail consorzio@traitdunion.org oppure telefonare al numero +39 335.6624862 entro il 17 settembre 2018.

L’iniziativa è realizzata dal Consorzio Trait d’Union nell’ambito del progetto “Vivere in Valle d’Aosta”, capofilato da Regione autonoma Valle d’Aosta, a valere sul Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione (FAMI) 2014-2020.

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Soufyane: stranieri per eccellenza

«Mi sento italiano al cento per cento: sono nato e cresciuto qui, all’interno della cultura italiana. Sullo sfondo, però, mantengo le mie origini. Mi sento al bivio: qui mi dicono che sono “un italiano di origini straniere”. In Marocco, quando ci vado in vacanza, sono visto come uno straniero». (continua a leggere)

Approfondisci

Gianfranco: le radici degli sradicati

«A Saint-Martin-de-Corléans c’è stata l’accettazione di una cultura estranea, che poi si è radicata ed è riuscita a creare qualcosa, a svilupparlo. È una forma di rinascenza artistica, il risultato dell’apporto di persone che hanno scelto di muoversi in un altro territorio e lì hanno creato qualcosa di estremamente duraturo». (continua a leggere)

Approfondisci

Elda: viaggiare per rinascere

«Il nuovo può essere difficile, ma può anche essere uno spazio per ricostruirsi. Per me il viaggio è sempre stato questo: un modo per ricostruire la mia storia, perché è una grossa opportunità. Non essere conosciuta e non avere intorno persone che hanno già un’idea chiara di chi tu sia. Quella è una nuova occasione per nascere: significa questo, per me, andare via». (continua a leggere)

Approfondisci