Festa per i Consulenti di comunità

Festa per i Consulenti di comunità

Sabato 23 giugno alle ore 11.00 la Cittadella dei giovani di Aosta ospita l’appuntamento conclusivo del corso di formazione per «consulenti di comunità», promosso dall’Assessorato alla Sanità, Salute e Politiche Sociali della Regione Autonoma Valle d’Aosta nell’ambito del «Piano integrato degli interventi in materia di inserimento lavorativo e di integrazione sociale dei migranti regolarmente presenti in Italia, all’interno dell’accordo sottoscritto in data 23 dicembre 2014 tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e la Regione autonoma Valle d’Aosta e il Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e gestito dal Consorzio Trait d’Union di Aosta.

Il percorso formativo è iniziato ad aprile 2018: a partecipare al progetto sono state persone 20 persone di diverse nazionalità, di età compresa tra i 18 e gli 80 anni. I paesi d’origine sono Romania, Albania, Italia, Cina, Marocco, Tunisia e Perù. Nelle scorse settimane, i partecipanti al percorso di formazione hanno messo alla prova le loro capacità di raccolta e diffusione di informazioni attraverso un lavoro collettivo, che li ha portati a concentrarsi su quattro diverse aree d’interesse. Salute, istruzione, lavoro e tempo libero sono stati i quattro temi che sono stati affrontati alla ricerca di elementi utili da condividere.

«Il valore aggiunto – spiegano i partecipanti – è proprio quello della rete che si è creata fra di noi: sono relazioni che ci permettono di sapere a chi chiedere supporto nelle diverse situazioni che chi arriva in Valle d’Aosta si trova ad affrontare. Spesso i problemi che incontrano gli immigrati sono gli stessi, indipendentemente dalla provenienza, ed è utile avere una serie di punti di riferimento per condividere pratiche e informazioni».

Il percorso è stato organizzato dal Consorzio Trait d’Union di Aosta, all’interno del progetto promosso dall’Assessorato Sanità, Salute e Politiche Sociali della Regione Autonoma Valle d’Aosta. Il progetto si concluderà all’inizio di luglio con una festa pensata per creare un’occasione di incontro tra i consulenti e le comunità di cui sono riferimento.

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Gianfranco: le radici degli sradicati

«A Saint-Martin-de-Corléans c’è stata l’accettazione di una cultura estranea, che poi si è radicata ed è riuscita a creare qualcosa, a svilupparlo. È una forma di rinascenza artistica, il risultato dell’apporto di persone che hanno scelto di muoversi in un altro territorio e lì hanno creato qualcosa di estremamente duraturo». (continua a leggere)

Approfondisci