Associazioni di immigrati

Associazioni di immigrati

Sul territorio della Valle d’Aosta sono attivi gruppi informali e associazioni che riuniscono persone provenienti da diverse parti del mondo, tutelandone i diritti e aiutandole nel proprio percorso di integrazione.

Questo elenco è in continuo aggiornamento: è possibile segnalare nuove realtà scrivendo all’indirizzo immigrazionevda@gmail.com.

UNIENDO RAICES
Associazione di donne latino-americane residenti sul territorio della Valle d’Aosta
Referente: Miguelina Bandera
E-mail: uniendoraices@hotmail.com
Tel.: +39 800.903579
Sito webPagina Facebook

ASSOCIAZIONE BAOBAB
Associazione nata nel 2014 per diffondere e valorizzare la cultura africana.
Referente: Noah
E-mail: associazione_baobab_aosta@yahoo.it
Tel: +39 333.2605201
Sito webPagina Facebook

A.M.I.V.A.
Associazione dei Marocchini Immigrati in Valle d’Aosta
Frazione Plan Felinaz, 32 – Charvensod
Referente: Mustafa Moutazzaki
E-mail: musta.aosta@hotmail.com
Tel: +39 328.3225332

AMIS DE NICOLAS
Associazione di promozione sociale per persone straniere e associazione sportiva, impegnata in particolare nel calcio.
Referente: Leonard Yombo
E-mail: amisdenicolas@libero.it
Tel: +39 389.4466169

ASSOCIAZIONE PERUVIANA INTIPA-CHURIN HIJOS DEL SOL
Referente: Rosa Flores
Tel. +39 329.3337004

PERÙ MULTIETNICO
Associazione di promozione sociale per promuovere la conoscenza della cultura e delle tradizioni peruviane
Referente: Josué Coila
E-mail: peru.multietnico@gmail.com
Tel: +39 3458181009
Pagina Facebook

 

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Miguelina: migrare per scelta

«Io ho migrato per scelta: ho lasciato il mare per la montagna, per amore. Ho voluto io l’Italia, la Valle d’Aosta: sono rimasta per tre mesi e ho conosciuto mi marito due settimane prima di tornare. Da lì, non sono più rientrata a casa mia». (continua a leggere)

Approfondisci

Soufyane: stranieri per eccellenza

«Mi sento italiano al cento per cento: sono nato e cresciuto qui, all’interno della cultura italiana. Sullo sfondo, però, mantengo le mie origini. Mi sento al bivio: qui mi dicono che sono “un italiano di origini straniere”. In Marocco, quando ci vado in vacanza, sono visto come uno straniero». (continua a leggere)

Approfondisci