Evento sulle migrazioni, sull’accoglienza e proiezione all’aperto del reportage di Ugo Borga

Evento sulle migrazioni, sull’accoglienza e proiezione all’aperto del reportage di Ugo Borga

Venerdì 26 luglio prossimo, la Piazza Cavalieri di Vittorio Veneto di Saint Vincent ospiterà “Territori accoglienti”, un evento organizzato dal Consorzio Trait d’Union nell’ambito del progetto SPRAR in collaborazione con Refugees Welcome Italia e le associazioni Six Degrees e framedivision.

Il programma prevede l’intervento di Flavia Tartaglione, coordinatrice del progetto territoriale SPRAR/SIPROIMI, avviato nel 2017 nei comuni di Saint Vincent, Champorcher e Saint-Rhemy-en-Bosses, e di Fabiana Musicco, fondatrice e direttrice dell’associazione Refugees Welcome Italia che promuove l’accoglienza dei rifugiati in famiglia.

Dopo uno sguardo sul fenomeno migratorio, l’accoglienza nei territori e l’esperienza del progetto SPRAR, verrà proiettato il reportage Lo scoglio: voci dalla frontiera che Ugo Lucio Borga, giornalista, scrittore e fotografo, ha realizzato a Lampedusa. L’immagine utilizzata per la comunicazione dell’iniziativa è stata scattata da Anais Foretier durante la realizzazione de reportage.

La serata si terrà all’aperto. In caso di maltempo l’intero evento verrà spostato al Centro Congressi di via Martiri della Libertà, 9.

Nel pomeriggio dello stesso giorno, dalle 17 alle 18.30, lo SPRAR aprirà le porte della struttura sita in Piazza Zerbion per far conoscere il progetto più da vicino e dare la possibilità a tutti di incontrare gli ospiti. Per informazioni è possibile telefonare al numero +39 346.6933306.

Territori accoglienti

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Elda: viaggiare per rinascere

«Il nuovo può essere difficile, ma può anche essere uno spazio per ricostruirsi. Per me il viaggio è sempre stato questo: un modo per ricostruire la mia storia, perché è una grossa opportunità. Non essere conosciuta e non avere intorno persone che hanno già un’idea chiara di chi tu sia. Quella è una nuova occasione per nascere: significa questo, per me, andare via». (continua a leggere)

Approfondisci

Soufyane: stranieri per eccellenza

«Mi sento italiano al cento per cento: sono nato e cresciuto qui, all’interno della cultura italiana. Sullo sfondo, però, mantengo le mie origini. Mi sento al bivio: qui mi dicono che sono “un italiano di origini straniere”. In Marocco, quando ci vado in vacanza, sono visto come uno straniero». (continua a leggere)

Approfondisci