Filastrocche per la nanna al Salone del libro di Torino

Filastrocche per la nanna al Salone del libro di Torino

Filastrocche per la nanna, un libro con CD audio che contiene ninne nanne in lingua madre di diverse culture del mondo, prodotto in Valle d’Aosta, è stato presentato al Salone del libro di Torino nell’ambito dello spazio dedicato al progetto Nati per leggere. Una copia della pubblicazione è stata donata a ciascun gruppo regionale del progetto che promuove la lettura ai bambini sotto i 6 anni.

Il libro contiene 11 ninne nanne nelle lingue straniere parlate dai migranti di paesi terzi in Valle d’Aosta (albanese, arabo, cinese, moldavo, portoghese, spagnolo, ucraino e wolof) e nelle lingue d’accoglienza (italiano, francese e francoprovenzale). La pubblicazione è stata realizzata con la partecipazione di cittadini stranieri che vivono in Valle d’Aosta e che si occupano di progetti interculturali e gli studenti del Liceo artistico di Aosta che hanno curato le illustrazioni.

Il progetto è stato realizzato dalla Biblioteca regionale Bruno Salvadori e dalla cooperativa Leone Rosso nell’ambito del progetto P.A.R.I. Partecipazione Attiva e Racconti d’Immigrazione a valere su FAMI – Fondo asilo migrazione e integrazione 2014-2020, capofilato dall’Assessorato alla Sanità, Salute, Politiche Sociali e Formazione della Regione autonoma Valle d’Aosta.

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Elda: viaggiare per rinascere

«Il nuovo può essere difficile, ma può anche essere uno spazio per ricostruirsi. Per me il viaggio è sempre stato questo: un modo per ricostruire la mia storia, perché è una grossa opportunità. Non essere conosciuta e non avere intorno persone che hanno già un’idea chiara di chi tu sia. Quella è una nuova occasione per nascere: significa questo, per me, andare via». (continua a leggere)

Approfondisci

Miguelina: migrare per scelta

«Io ho migrato per scelta: ho lasciato il mare per la montagna, per amore. Ho voluto io l’Italia, la Valle d’Aosta: sono rimasta per tre mesi e ho conosciuto mi marito due settimane prima di tornare. Da lì, non sono più rientrata a casa mia». (continua a leggere)

Approfondisci