Presentazione del libro Siamo qui, storie di successi di donne migranti

Presentazione del libro Siamo qui, storie di successi di donne migranti

L’Associazione Donne Latino-Americane della Valle d’Aosta “Uniendo Raices” onlus e il Concorso Letterario Nazionale Lingua Madre presenteranno alla comunità valdostana il libro “Siamo Qui” di Giusi Sammaritano, (Bordeux Edizioni) venerdì 10 maggio 2019 alle ore 17 al CSV di Aosta.

L’autrice sarà accompagnata da Ivana Nikolic, una delle protagoniste delle storie contenute nel libro.

Il giorno successivo, sabato 11 maggio, l’autrice sarà al Salone del libro di Torino dove presenterà la stessa opera all’interno di CUCINE VICINE, DONNE, CIBO, IMMAGINARI, a cura del Concorso Litterario Lingua Madre.

“Grandi guerriere senza armi con la forza alimentata dalla compassione. Nel mondo di oggi manca la compassione, la disposizione all’aiuto, come manca il dialogo che non si considera più come pregio, chiusi come siamo nei nostri apparecchi. Queste donne sono riuscite a vivere bene in un altro Paese, hanno dimostrato di non avere paura del diverso, del razzismo. Sono state capaci di portare le loro radici in altre radici. Queste donne sono un arcobaleno di tanti colori, fiduciose di essere accettate”, scrive Piera Degli Esposti nell’introduzione.

L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Uniendo Raices onlus, Concorso Letterario Nazionale Lingua Madre e il CSV onlus.

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Miguelina: migrare per scelta

«Io ho migrato per scelta: ho lasciato il mare per la montagna, per amore. Ho voluto io l’Italia, la Valle d’Aosta: sono rimasta per tre mesi e ho conosciuto mi marito due settimane prima di tornare. Da lì, non sono più rientrata a casa mia». (continua a leggere)

Approfondisci

Elda: viaggiare per rinascere

«Il nuovo può essere difficile, ma può anche essere uno spazio per ricostruirsi. Per me il viaggio è sempre stato questo: un modo per ricostruire la mia storia, perché è una grossa opportunità. Non essere conosciuta e non avere intorno persone che hanno già un’idea chiara di chi tu sia. Quella è una nuova occasione per nascere: significa questo, per me, andare via». (continua a leggere)

Approfondisci

Soufyane: stranieri per eccellenza

«Mi sento italiano al cento per cento: sono nato e cresciuto qui, all’interno della cultura italiana. Sullo sfondo, però, mantengo le mie origini. Mi sento al bivio: qui mi dicono che sono “un italiano di origini straniere”. In Marocco, quando ci vado in vacanza, sono visto come uno straniero». (continua a leggere)

Approfondisci