Pubblicato il Decreto flussi 2019 per l’ingresso dei lavoratori non comunitari

Pubblicato il Decreto flussi 2019 per l’ingresso dei lavoratori non comunitari

È stato pubblicato il 9 aprile in Gazzetta Ufficiale il Decreto flussi 2019 di programmazione transitoria dei flussi d’ingresso dei lavoratori non comunitari.

Saranno 30.850 i lavoratori non comunitari che potranno fare ingresso regolarmente in Italia. Rispetto agli anni scorsi il quadro rimane sostanzialmente invariato con la novità del Pakistan che non è inserito nella lista dei paesi interessati (si passa da 29 a 28).

Le quote di ingresso, che il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali provvederà a ripartire tra le regioni e le province autonome, sono così distinte:

– 12.850 per lavoro subordinato non stagionale, autonomo e conversioni (cittadini non comunitari che abbiano completato programmi di formazione e istruzione nei Paesi di origine, di lavoratori di origine italiana residenti in Argentina, Uruguay, Venezuela e Brasile, e di cittadini non comunitari per lavoro autonomo; conversioni dei permessi di soggiorno già detenuti ad altro titolo in permessi di soggiorno per lavoro subordinato e per lavoro autonomo);

– 18.000 per lavoro subordinato stagionale nei settori agricolo e turistico-alberghiero (cittadini non comunitari per lavoro subordinato stagionale di Albania, Algeria, Bosnia-Herzegovina, Corea – Repubblica di Corea, Costa d’Avorio, Egitto, El Salvador, Etiopia, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Filippine, Gambia, Ghana, Giappone, India, Kosovo, Mali, Marocco, Mauritius, Moldova, Montenegro, Niger, Nigeria, Senegal, Serbia, Sri Lanka, Sudan, Tunisia, Ucraina).

Dall’11 aprile 2019, sono disponibili i moduli per la precompilazione delle istanze di tutte le tipologie di ingressi. Dalle ore 9 del 16 aprile 2019 è possibile inviare le istanze di nulla osta all’ingresso per lavoro subordinato non stagionale, autonomo e per le conversioni. Dalle ore 9 del 24 aprile 2019 è possibile inviare le istanze di nulla osta all’ingresso per lavoro stagionale. Il termine ultimo per presentare le domande è il 31 dicembre 2019.

L’ufficio di riferimento per la Valle d’Aosta è lo Sportello Unico per l’immigrazione:

Orari di apertura
LUN, GIO 9.00 / 12.00; 13.30 / 16.00
MAR, MER, VEN 9.00 / 14.00

Sede e contatti
Piazza della Repubblica, 15 – Aosta
Tel. +39 0165.274951 – 0165.274952 – 0165.274953 – 0165.274954
immigrazione.utg@regione.vda.it

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Soufyane: stranieri per eccellenza

«Mi sento italiano al cento per cento: sono nato e cresciuto qui, all’interno della cultura italiana. Sullo sfondo, però, mantengo le mie origini. Mi sento al bivio: qui mi dicono che sono “un italiano di origini straniere”. In Marocco, quando ci vado in vacanza, sono visto come uno straniero». (continua a leggere)

Approfondisci

Miguelina: migrare per scelta

«Io ho migrato per scelta: ho lasciato il mare per la montagna, per amore. Ho voluto io l’Italia, la Valle d’Aosta: sono rimasta per tre mesi e ho conosciuto mi marito due settimane prima di tornare. Da lì, non sono più rientrata a casa mia». (continua a leggere)

Approfondisci

Gianfranco: le radici degli sradicati

«A Saint-Martin-de-Corléans c’è stata l’accettazione di una cultura estranea, che poi si è radicata ed è riuscita a creare qualcosa, a svilupparlo. È una forma di rinascenza artistica, il risultato dell’apporto di persone che hanno scelto di muoversi in un altro territorio e lì hanno creato qualcosa di estremamente duraturo». (continua a leggere)

Approfondisci