Nuovi mediatori interculturali in Valle d’Aosta

Nuovi mediatori interculturali in Valle d’Aosta

 

Nel mese di ottobre scorso si è concluso il corso per mediatori interculturali organizzato dall’En.A.I.P. Valle d’Aosta e finanziato dalla Regione autonoma Valle d’Aosta attraverso il Fondo Sociale Europeo.

Il corso ha avuto l’obiettivo di formare figure professionali che conoscano il tessuto sociale valdostano e contemporaneamente siano in grado di comprendere le particolarità culturali di chi arriva sul territorio. Il percorso ha avuto una durata totale di 500 ore, di cui 200 ore di stage, e ha visto la partecipazione di 20 persone provenienti da Albania, Algeria, Bahrein, Camerun, Marocco, Messico, Perù, Repubblica Domenicana, Romania, Russia, Senegal, Thailandia, Tunisia, ma anche Italia.

La figura professionale del mediatore è coinvolta soprattutto nei servizi socio-sanitari, in ambito scolastico e nei progetti di accoglienza. Tutte le informazioni sull’attività di mediazione interculturale sul territorio regionale sono disponibili alla pagina http://www.regione.vda.it/servsociali/assistenza_agli_immigrati/mediazione/default_i.asp.

Molti mediatori presenti sul territorio sono iscritti all’Elenco regionale aperto dei mediatori interculturali della Regione autonoma Valle d’Aosta che ad oggi conta 34 professionisti.

 

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Gianfranco: le radici degli sradicati

«A Saint-Martin-de-Corléans c’è stata l’accettazione di una cultura estranea, che poi si è radicata ed è riuscita a creare qualcosa, a svilupparlo. È una forma di rinascenza artistica, il risultato dell’apporto di persone che hanno scelto di muoversi in un altro territorio e lì hanno creato qualcosa di estremamente duraturo». (continua a leggere)

Approfondisci