Strumenti per l’inserimento lavorativo dei migranti in un intervento del Prof. Boerchi

Strumenti per l’inserimento lavorativo dei migranti in un intervento del Prof. Boerchi

Diego Boerchi, collaboratore del settore Economia e Lavoro della Fondazione ISMU – Iniziative e Studi sulla Multietnicità di Milano e docente di Psicologia dell’orientamento e sviluppo di carriera presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, ha tenuto ad Aosta un incontro formativo dedicato a Metodologia e strumenti per l’orientamento al lavoro destinato agli operatori dei servizi territoriali.

In quell’occasione, ha presentato in particolare due nuovi progetti co-finanziati dal Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione (FAMI) 2014-2020, molto interessanti per gli operatori valdostani che si occupano di inserimento lavorativo dei migranti.

Il primo è DIMICOME – Diversity Management e Integrazione Competenze dei Migranti nel mercato del lavoro, di cui è capofila la Fondazione ISMU. Il progetto mira a promuovere l’integrazione economica dei migranti attraverso la valorizzazione delle loro peculiarità e competenze, un focus sulle soft skill ed in particolare quelle collegate all’esperienza migratoria, massimizzandone l’impatto positivo sulla competitività aziendale. Le azioni del progetto saranno implementate in 5 regioni italiane (Puglia, Veneto, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna) e coinvolgeranno 5 enti aderenti stranieri (in Danimarca, Francia, Germania, Spagna e Ungheria).

Il secondo è il progetto ESPoR – European Skills Portfolio for Refugees, ideato dal CROSS, Centro di Centro di Ricerca sull’Orientamento e lo Sviluppo Socio-professionale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, naturale prosecuzione del progetto ESPaR con il quale è stato elaborato un percorso di bilancio di competenze per rifugiati e richiedenti asilo politico. Il nuovo progetto testerà il suo impatto su attività successive di supporto all’inserimento lavorativo quale la scelta di un corso di formazione, la certificazione delle competenze o l’attivazione di uno stage. Per favorire la diffusione del modello è stato redatto un apposito manuale, scaricabile dal sito www.refujob.eu. La prima parte del documento offre una panoramica dei modelli e delle più attuali metodologie di consulenza alla carriera, rilette alla luce della particolare categoria di destinatari. Segue la descrizione dettagliata del percorso, corredata di schede operative e materiali di lavoro.

L’incontro formativo ha fatto parte di un calendario di formazioni organizzate dal Consorzio Trait d’Union nell’ambito dal progetto Vivere in Valle d’Aosta, a valere sul FAMI – Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020, capofilato dall’Assessorato Sanità, Salute, Politiche sociali e Formazione della Regione autonoma Valle d’Aosta e che vede tra i partner Progetto Formazione e la cooperativa La Sorgente.

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Miguelina: migrare per scelta

«Io ho migrato per scelta: ho lasciato il mare per la montagna, per amore. Ho voluto io l’Italia, la Valle d’Aosta: sono rimasta per tre mesi e ho conosciuto mi marito due settimane prima di tornare. Da lì, non sono più rientrata a casa mia». (continua a leggere)

Approfondisci

Soufyane: stranieri per eccellenza

«Mi sento italiano al cento per cento: sono nato e cresciuto qui, all’interno della cultura italiana. Sullo sfondo, però, mantengo le mie origini. Mi sento al bivio: qui mi dicono che sono “un italiano di origini straniere”. In Marocco, quando ci vado in vacanza, sono visto come uno straniero». (continua a leggere)

Approfondisci