A GIOCAOSTA, GIOCHI E PERSONE DAL MONDO

A GIOCAOSTA, GIOCHI E PERSONE DAL MONDO

Ci sono anche le culture immigrate in Valle d’Aosta nella decima edizione di giocAosta, la grande festa del gioco intelligente che dal 9 al 12 agosto 2018 celebra la propria decima edizione ad Aosta. Il gioco è un importante elemento culturale: per questo giocAosta ha scelto di creare per la prima volta uno spazio dedicato a “giochi e persone dal mondo“, in cui ognuno può presentare e condividere quei giochi che ha portato dentro di sé nel viaggio.

Nelle giornate di sabato 11 e domenica 12 agosto, il padiglione allestito in piazza Chanoux ospita un’area creata insieme agli operatori della cooperativa La Sorgente: protagonisti sono ragazzi che sono arrivati in Valle d’Aosta e che stanno creando ponti tra la loro cultura d’origine e quella locale. Per questo anche loro vestono la maglietta gialla dei volontari di giocAosta e propongono i giochi che li hanno accompagnati non solo nell’infanzia. “Quando viaggiamo – spiegano gli organizzatori – portiamo nel proprio bagaglio molto più di quanto non crediamo. E nel nostro patrimonio ci sono quei giochi che abbiamo fatto con i nostri nonni, con i nostri amici, con le persone che abbiamo avuto intorno crescendo. E ovunque nel mondo, giocare a scopa o a dama o a belote potrebbe farci sentire a casa: questo vogliamo che accada anche in piazza Chanoux, che ritrova con giocAosta il suo ruolo di luogo di incontro e di confronto, di scambio e di scoperta”.

Il programma completo dell’evento è sul sito http://www.giocaosta.it/.

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Gianfranco: le radici degli sradicati

«A Saint-Martin-de-Corléans c’è stata l’accettazione di una cultura estranea, che poi si è radicata ed è riuscita a creare qualcosa, a svilupparlo. È una forma di rinascenza artistica, il risultato dell’apporto di persone che hanno scelto di muoversi in un altro territorio e lì hanno creato qualcosa di estremamente duraturo». (continua a leggere)

Approfondisci