La rassegna cinematografica Mondovisioni alla Cittadella dei giovani

La rassegna cinematografica Mondovisioni alla Cittadella dei giovani

Arriva ad Aosta, alla Cittadella dei giovani, Mondovisioni, una rassegna di docu-film selezionati dai maggiori festival mondiali, su attualità, diritti umani e informazione curata da CineAgenzia in collaborazione con Internazionale.

I film selezionati ci portano in diversi paesi per indagare alcuni tra i temi più attuali e complessi della nostra società. Dal Brasile per conoscere le battaglie del giovane parlamentare omosessuale Jean Wyllys, in Finlandia per raccontare paure e xenofobia europei, e in Qatar per scoprire per la prima volta vita e sfruttamento dei lavoratori migranti impiegati nei cantieri dei mondiali di calcio 2022. Dall’India con il fenomeno politico del Partito dell’Uomo Comune e il suo leader, il paladino anti-corruzione Arvind Kejriwal, in Gambia per affrontare il tema delle mutilazioni genitali femminili insieme alla giovane coraggiosa attivista Jaha Dukureh, mentre con un giro intorno al mondo si fa un sorprendente punto su uno dei temi sociali più dibattuti, quello del reddito di cittadinanza.

I film sono proiettati alle 21.30 nell’Agorà di Cittadella, all’aperto.

Calendario delle proiezioni:
giovedì 5 luglio – Free Lunch Society di Christian Tod (Austria/Germania)
giovedì 12 luglio – The Workers Cup di Adam Sobel (Gran Bretagna)
giovedì 19 luglio – Jaha’s Promise di Patrick Farrelly e Kate O’Callaghan (Stati Uniti/Gran Bretagna/Gambia)
giovedì 2 agosto – An Insignificant Man di Khushboo Ranka e Vinay Shukla (India)
giovedì 9 agosto – Entre os homens de bem di Caio Cavechini e Carlos Juliano Barros (Brasile)
giovedì 23 agosto – Boiling Point di Elina Hirvonen (Finlandia)

www.cittadelladeigiovani.it

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Storie

Elda: viaggiare per rinascere

«Il nuovo può essere difficile, ma può anche essere uno spazio per ricostruirsi. Per me il viaggio è sempre stato questo: un modo per ricostruire la mia storia, perché è una grossa opportunità. Non essere conosciuta e non avere intorno persone che hanno già un’idea chiara di chi tu sia. Quella è una nuova occasione per nascere: significa questo, per me, andare via». (continua a leggere)

Approfondisci

Miguelina: migrare per scelta

«Io ho migrato per scelta: ho lasciato il mare per la montagna, per amore. Ho voluto io l’Italia, la Valle d’Aosta: sono rimasta per tre mesi e ho conosciuto mi marito due settimane prima di tornare. Da lì, non sono più rientrata a casa mia». (continua a leggere)

Approfondisci